(disponibile anche in cartaceo)

I mondi di K.A. Teryna – autrice di spicco della fantascienza russa contemporanea – sono difficili da dimenticare: in “Medusa” siamo in una parodia del cyberpunk, potenziato da social network e gamification, in stile Black Mirror; “Krözelcikus” è un giallo che parte dal furto dell’elioforo, una macchina fotografica ritenuta illegale; “Hunky-dory” spazia dalle nanotecnologie agli studi di Vernadskij sulla noosfera, anche se alla base del racconto c’è il sacrificio e l’illuminazione; per finire, in “Fatamorgana”, il protagonista fugge dall’incubo post-mortem di una Mosca staliniana che non è ciò che sembra. Le storie di K.A. Teryna possono sembrare favole moderne intrise di una comicità grottesca e nera tipicamente russa che ondeggiano tra il surreale e il futuribile. Tuttavia, a un livello più profondo, sono storie di liberazione che trascendono l’orizzonte delle nostre convinzioni.

Acquista subito l’ebook:


» Acquista su Amazon