Come ho imparato ad amare il futuro (Italian language)

Dopo aver distrutto il mondo migliaia di volte, ipotizzato bizzarre utopie, trasformazioni postumane e derive tecnocratiche, ecco emergere – da più parti del mondo e dalle discipline più disparate – un piccolo nucleo di storie, di genere solarpunk, che sfidano l’ineluttabile concretezza del presente: racconti che spaziano dall’economia circolare alla sostenibilità ambientale, dalla critica al capitalismo predatorio alla costruzione di reti off-grid, dall’uso di risorse rinnovabili all’inclusività radicale; racconti che riprendendo l’estetica dell’Art Nouveau rielaborano in chiave moderna i canoni dell’arte africana ed asiatica, che usano il biomimetismo di forme e funzioni organiche per migliorare prodotti ed esperienze e che immaginano vie d’uscita, pratiche e percorribili, sia dall’antropocene, intesa come era geologica indotta dal comportamento umano, che dal capitalocene, sua deriva economica.

Che si tratti del singolo o di un gruppo, nel solarpunk i protagonisti non rinunciano alla lotta di riappropriazione degli spazi abbandonati dal capitalismo o dall’inefficienza statale, ma affrontano il conflitto in nome di un’esigenza umana, di un principio condiviso dalle comunità resilienti in lotta contro la gentrificazione, l’espropriazione, l’abuso e la perdita d’identità, partendo da un quartiere per abbracciare il mondo interno.

Il solarpunk traccia un sentiero, accidentato e tortuoso, verso un cambiamento percepito ormai da molti come necessario. Nessuno ci regalerà il futuro – sembrano dire questi 15 racconti provenienti da Brasile, Argentina, Stati Uniti, Cina, Australia, Francia e Spagna – e starà a noi fare le scelte giuste per ottenerlo.

Indice dei racconti:
SULLE DIMENSIONI POLITICHE DEL SOLARPUNK di Andrew Dana Hudson
EMPATIA BIZANTINA di Ken Liu (USA)
NINA E L’URAGANO di Ana Rüsche (Brasile)
SOMATERRA di Ciro Faienza (USA-Italia)
SERPENTI D’ENERGIA di Brenda Cooper (USA)
PREVISIONE DI VUOTO di Renan Bernardo (Brasile)
IL GUARDIANO DEL FARO di Andrew Dana Hudson (USA)
FALLACIA AFFETTIVA di Chen Qiufan (Cina)
IL RANCH A SPIRALE di Sarena Ulibarri (USA)
LINEA DEL FRONTE di Gustavo Bondoni (Argentina)
BISTON-BETULARIA di Maria Antònia Martí Escayol (Spagna)
OMNIA SOL TEMPERAT di Teresa P. Mira de Echeverría e Guillermo Echeverría (Argentina)
CONTAMINAZIONI di Sylvie Denis (Francia)
HO LA BICI, ANDRÒ NELLO SPAZIO di Ingrid Garcia (Spagna)
IL RAGNO E LE STELLE di D.K. Mok (Australia)

Price: € 15

Buy Kindle or paper book on Amazon

SHARE THIS PAGE WHEREVER YOU WANT

It might also interest you

  • Lo stato solare

    Se la distopia non è più fantascienza, ma narrativa contemporanea – tra emergenza climatica, cyber-sorveglianza e gig-economy, allora è necessario uno scatto d’immaginazione per [...]

    READ MORE
  • Come ho imparato ad amare il futuro (Italian language)

    Dopo aver distrutto il mondo migliaia di volte, ipotizzato bizzarre utopie, trasformazioni postumane e derive tecnocratiche, ecco emergere – da più parti del mondo [...]

    READ MORE
  • Two Worlds

    Two Worlds represents an attempt to cross the boundaries separating Science Fiction from Fantasy through Arthur C. Clarke’s famous quote, “Any sufficiently advanced technology [...]

    READ MORE
  • Figli del futuro (Italian language)

    Nel nostro futuro non ci sono omini verdi, né raggi laser o viaggi nel tempo, non ci flotte spaziali o teletrasporti: noi, figli del [...]

    READ MORE
  • Dalla disperazione alla strategia (Italian language)

    Quanto ancora dovremo disperare prima di renderci conto che il futuro non ci verrà dato da nessuno, se non dalla nostra stessa voglia e [...]

    READ MORE